close
Maker Faire Roma, innovazione idee e tanti studenti

Per un entusiasta come me, partecipare alla 4 edizione della Maker Faire Roma è stato a dir poco emozionante. Potrei star qui a raccontarti per ore, per filo e per segno ogni particolare di quei 3 giorni (14-16 ottobre 2016), eppure non basterebbe a rendere a pieno il mix di emozioni che simili eventi mi trasmettono. Vale la pena provarci, però.

Un evento Grandioso…

Iniziamo con un po’ di numeri: 700 progetti da 40 paesi diversi, 6 padiglioni, oltre 55mila metri quadrati di superficie espositiva di cui un’area riservata interamente ai bambini dai 5 ai 14 anni, più di 100mila visitatori. Ho sempre sostenuto l’innovazione e il suo valore, e ancor più l’importanza di mettersi alla prova, sempre, con sé stessi, sfidando i propri limiti per essere “oltre”.

… Innovativo

La Maker Faire è stato tutto questo: uno spettacolo sull’innovazione, sui Maker, sulla cultura “fai da te”, sulle potenzialità innovative.. uno sguardo sul futuro. Confrontarmi con tanti appassionati di innovazione, cultura digitale e business mi ha stimolato e mi ha aperto un ventaglio di idee, opportunità e collaborazioni che col tempo ti svelerò.

… Interattivo

L’interattività è stato il pilastro portante su cui si è fondata la Maker Faire: non una fiera, non una sterile esposizione, ma un incontroun confronto soprattutto, un’occasione di divertimento costruttivo, un modo per rivedere vecchi amici e conoscerne di nuovi. Un proliferare continuo di idee, curiosità, progetti.

… Produttivo

Idee che nascono essenzialmente da desiderio di dare un contributo personale alla vita quotidiana: dalle innovazioni nel settore dei trasporti nel padiglione 5 dedicato al Move alla vita in ogni sua forma, umana e animale, nel padiglione 6. Dall’elettronica alla manifattura, dagli young makers ai progetti di docenti, startuppers ed esperti.

Una cosa mi ha colpito particolarmente e per certi versi confortato: l’elevata partecipazione dei giovani, soprattutto studenti accompagnati dai propri genitori. Sì, come negli anni 80 e 90 molti genitori sentivano il bisogno di far conoscere nuove lingue, culture e posti ai propri figli, anche oggi essi sono sempre più proiettati  a far conoscere i nuovi linguaggi e creare sinergie con ragazzi di altri paesi che ormai parlano tutti la lingua comune dell’innovazione.

… Educativo

La Maker Faire Rome ha tenuto in particolar conto il contributo delle scuole. E’ proprio grazie all’entusiasmo e alla voglia di sperimentare dei giovani che il futuro diventa pensabile, e non solo un lontano miraggio. Mi auguro e soprattutto ti auguro di nutrirti sempre di occasioni simili, in cui la curiosità, la progettazione e il flusso di idee siano delle costanti in grado di contaminarti e farti viaggiare molto lontano.

Commenti

Tags : BusinessCultura DigitaleInnovazioneMaker Faire RomaStartupYoung Makers
Andrea Cesaro

The author Andrea Cesaro

Se ti è piaciuto questo articolo, seguimi per scoprire i nuovi post. Se ci sono argomenti che ti piacerebbe conoscere o approfondire, scrivimi pure