Lavorare da casa con i Podcast

1
Podcast lavoro da casa
Podcast lavoro da casa

Restare distesi sul divano di casa propria facendosi cullare da una voce narrante può essere davvero rilassante. Questo è solo uno dei possibili servizi offerti da chi intende lavorare da casa con i podcast. In questo articolo vi spiegherò come si realizzano, gli argomenti che vengono trattati e come sfruttare al meglio questo strumento.

Che cos’è un Podcast?

Per podcast si intende una registrazione vocale caricata su un determinato portale (Spotify, Apple Podcast, ecc.). Dal punto di vista etimologico questa parola deriva dall’unione dell’acronimo play on demand e broadcast. Se ci soffermiamo sul primo acronimo capiamo subito la sua funzionalità principale: quella di essere riprodotta quando e come vogliamo. Broadcast invece indica la trasmissione di informazioni da un sistema trasmittente ad un insieme di sistemi riceventi.

Ecco quindi che da queste semplici nozioni si ha già una visione d’insieme interessante. Le potenzialità dei podcast e la miriade di impieghi che può avere questo strumento sono tanti. Dalla trasmissione in pieno stile radiofonico, agli audiolibri, dalle vere e proprie serie da ascoltare. Chi sceglie di lavorare da casa con i podcast ha tantissime possibilità.

Chi può realizzare Podcast?

Diciamoci la verità, quando esisteva solo la radio come strumento per ascoltare contenuti era tutto più complicato. L’aspirazione in quel caso era quella di diventare uno speaker radiofonico, e per farlo era necessaria una gavetta non semplice da perseguire. Fortunatamente siamo in un epoca diversa, dove chiunque sia in possesso di un pc ed un microfono ha a disposizione tutto l’occorrente per lavorare da casa con i podcast.

Una volta registrato il vostro podcast potrete diffonderlo sulle principali piattaforme che trattano quest’argomento attraverso due portali che mi sento di suggerirvi. Il primo è Spreaker, una piattaforma unica dedicata al podcasting, dove potrai creare, diffondere e monetizzare i tuoi contenuti. Validissima alternativa da non sottovalutare è Anchor.

Perchè fare Podcast?

Il canale uditivo non va sottovalutato. Ascoltare un discorso che ci interessa stimola automaticamente, talvolta anche involontariamente, gli altri sensi. Questo ci consente di spaziare con la mente e passare da quel determinato oggetto che stiamo immaginando, del quale si starà parlando nel podcast, ad un momento in particolare della nostra vita caratterizzato da quello stesso oggetto. Stimoli, emozioni, sensazioni, percezioni, di cos’altro si ha bisogno oggi giorno ?

Fattore da non sottovalutare è l’economicità di questo tipo di contenuti. Gli strumenti necessari li abbiamo visti prima, e se consideriamo anche il non doverci preoccupare del nostro aspetto e dell’immagine che avremmo fatto passare in video, il vantaggio è notevole.

Di cosa parlare nei Podcast?

Comprensibile non sapere da dove partire e quali argomenti trattare, del resto lo dico sempre, nessuno nasce sapendo già tutto! Sicuramente in assenza di un piano editoriale ben preciso e mirato il miglior punto di partenza sono le proprie passioni. Collezionisti, filantropi, musicisti e poeti per hobby c’è sempre qualcuno con cui si hanno delle passioni in comune.

Ti racconto un aneddoto molto interessante a riguardo. Tre ragazzi inglesi scoprono che il padre aveva scritto un libro erotico e decidono di registrare la lettura di questo racconto. Il podcast in oggetto supera qualunque aspettativa e diventa virale sotto il nome di “My dad wrote a Porno”, arrivando a far produrre dalla HBO (pay tv americana) una serie televisiva dedicata.

Questo per dire che dalle tue passioni emergono i tuoi valori e l’insieme dato dai tuoi valori e dalle tue passioni è sostanzialmente il tuo prodotto, questa è la formula che mi sento di consigliarti per lavorare da casa con i podcast.

Ti lascio qui di seguito i miei principali canali per podcast:

Vuoi metterci la faccia in quello che fai ? Scopri in questo articolo come diventare Youtuber

Commenti